Ambulanze in autostrada, Misericordia di Andria: «Finalmente esenzione dal pedaggio»

0
507

 Il 2 aprile scorso, infatti, è scaduta la convenzione tra Autostrade, organizzazioni di volontariato e Governo per la gestione dei transiti dei mezzi di soccorso sulla rete autostradale. Le organizzazioni di volontariato Misericordie d’Italia ed Anpas, che assieme gestiscono il 70% del trasporto sanitario italiano per la maggior parte in convenzione con le strutture pubbliche, hanno iniziato le lunghe trattative ed i lunghi colloqui per far si che venisse chiarita la normativa vigente. Le Autostrade hanno inteso prorogare la convenzione nel mese di luglio scorso per altri tre mesi con il rinvio al 2 ottobre della definitiva scadenza.

«A cavallo con un’altra proroga delle autostrade – ci dice l’andriese Gianfranco Gilardi, Responsabile Nazionale del Settore Mezzi per le Misericordie d’Italia – è giunta questa circolare tanto attesa del Ministro Lupi che spiega in parte, ma anche in modo esaustivo, l’esenzione autostradale totale per le ambulanze di soccorso. Decisivo è stato l’intervento della Confederazione nazionale e della delegazione trattante». Protagonista della lunga e complessa trattativa tra le parti è stato proprio il Consigliere Nazionale Gilardi assieme ai vertici di Misericordie ed Anpas: «Un grande lavoro di mediazione – ha detto ancora Gilardi – condito anche da una protesta pacifica delle Misericordie ed Anpas con #fermitutti a Roma il 3 aprile scorso per rilanciare le proprie osservazioni e le proprie prerogative. Diversi incontri e dopo tutti questi passaggi è arrivato il definitivo chiarimento».

Chiarimento che prevede l’esonero del pagamento del pedaggio per tutti i mezzi di soccorso delle associazioni di volontariato od associazioni non aventi scopo di lucro. Autostrade per l’Italia sta fornendo Telepass alle associazioni di volontariato che prestano servizi di soccorso a fronte dell’impegno di provvedere all’autocertificazione della natura dei transiti: «Questa circolare credo sia definitiva visto che spiega nel dettaglio tutti i requisiti necessari – ha concluso Gianfranco Gilardi – ora non ci resta che collaborare con le autostrade per verificare il sistema in essere e per monitorarlo in modo che si evitino eventuali abusi che potrebbero penalizzare tutto il sistema».

La Confederazione Nazionale delle Misericordie rappresenta circa 670 confraternite con 700 sedi in tutta Italia quotidianamente impegnate nell’emergenza e nel trasporto sanitario nonché nella protezione civile ed in tantissime attività formative e sociosanitarie. Sono più di 650mila i soci, 120mila volontari e 2.500 ambulanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here