Fisco e previdenza, ad Andria Cgil Cisl e Uil lanciano piattaforma unitaria

0
253

Partendo dall’idea che la situazione economica è ancora caratterizzata da uno stato di crisi, e che nei sette anni passati è cresciuta la disoccupazione e sono andare in fumo il 25% delle imprese manifatturiere e dei servizi, i sindacati sono arrivati alla formulazione di una propria proposta: la convinzione è che non si esce dalla crisi se non si determinano investimenti pubblici e politiche industriali per far ripartire lo sviluppo.

Non solo, per Cgil, Cisl e Uil se non si affronta il nodo dell’evasione fiscale non si potrà mai avere una necessaria riduzione della tassazione su lavoro e pensioni e produrre maggiore giustizia fiscale. Nell’assemblea provinciale in programma mercoledì prossimo, 23 luglio, a partire dalle ore 18.00, presso la Camera del Lavoro di Andria in piazza G. Di Vittorio, saranno presenti i rappresentanti delle segreterie confederali del territorio che insieme ai lavoratori di tutte le categorie affronteranno i temi di previdenza (legge Monti-Fornero, tutela dei giovani, adeguatezza delle pensioni e accesso flessibile al pensionamento, previdenza complementare, esodati, rivalutazione delle pensioni e riforma della governante degli Enti previdenziali e assicurativi) e di fisco (riduzione della pressione fiscale per lavoratori e pensionati e riduzione strutturale dell’evasione fiscale).

Ad aprire i lavori dell’assemblea e presentare la piattaforma sarà Gianni Ricciato della segreteria Cisl di Bari, seguirà l’intervento di Vincenzo Cognetti, segretario provinciale Uil. Infine le conclusioni saranno affidate a Massimo Marcone, segretario Cgil Bat.

Parleremo ai lavoratori ed ai pensionati – spiega Massimo Marcone – di riduzione delle tasse, della nostra idea per rendere strutturale la lotta all’evasione fiscale e di politiche a sostegno delle famiglie. Non solo, tra i temi del confronto anche la soluzione definitiva per gli esodati, la previdenza complementare per i dipendenti pubblici e privati, e la tutela per i giovani che devono recuperare fiducia nel sistema previdenziale e per fare ciò bisogna dare garanzie sulle pensioni future soprattutto a chi svolge lavori saltuari oppure è entrato tardi nel mercato del lavoro. Vista la varietà dei temi che affronteremo invitiamo i pensionati e tutti i lavoratori di tutte le categorie a non mancare all’assemblea ad Andria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here