Andria, petizione per registro Testamenti Biologici: servono 500 firme

0
334

Con una base solida, quella dell’articolo 32 della Costituzione Italiana che recita :” La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”, il Comitato Liberi di Scegliere con a capo la Presidente la Dottoressa Sabrina Piroli, lancia una petizione in cui si chiede l’istituzione di un registro dei Testamenti Biologici nel Comune di Andria.

Questa petizione, quando raggiungerà 500 firme, sarà consegnata all’avv. Nicola Giorgino, Sindaco di Andria. Ma che cos’è un testamento biologico,  detto anche DAT ? “Redigere un testamento biologico – come spiega il Comitato – significa decidere quali trattamenti sanitari si intende o non intende accettare, nel momento in cui questi trattamenti siano necessari e il soggetto non sia più capace di autogestirsi o in grado di intendere e di volere. Dopo anni di discussioni infinite sul testamento biologico e decine di disegni di legge arenati in Parlamento, in Italia non c’è ancora una legge dello Stato che regolamenti le cosiddette Dichiarazioni anticipate di trattamento o Dat, ovvero le volontà, espresse nel pieno delle proprie facoltà, di ricevere o rifiutare terapie e trattamenti sanitari nel caso in cui non si fosse più in grado di esprimersi”.

Chiunque può firmare la petizione a favore del Registro, anche on line, è semplicissimo basta consultare il sito Change.org: https://www.change.org/it/petizioni/chiediamo-l-istituzione-di-un-registro-dei-testamenti-biologici-nel-comune-di-andria.

Inoltre, per il 12 ottobre è previsto un grande evento organizzato dal Comitato, un convegno al quale parteciperanno Beppino Englaro e Mina Welby oltre a un giurista, un medico e un teologo. Con questo evento si vuole sensibilizzare il territorio e dare l’opportunità di ricevere informazioni accurate su questo tema così delicato e dibattuto. Il Comitato “Liberi di Scegliere” si è costituito da poco, il 15 luglio e non ha nessun colore politico ma l’obiettivo di dare vita ad una campagna a favore dell’istituzione del registro dei testamenti biologici. “Firma per affermare il tuo diritto di scegliere i trattamenti sanitari che ritieni opportuni. Non lasciare la decisione ad altri, è la tua vita!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here