“Orizzonti”, bilancio primo anno attività: “Cotto e donato”, serviti 11 mila pasti a bisognosi

0
292

La solidarietà non va in vacanza e in un’estate particolarmente calda e difficile per le sempre più numerose famiglie italiane che hanno conosciuto la parola “povertà”, da più parti è giunto un profondo invito ad intensificare le opere di aiuto solidale.

L’Associazione Orizzonti, distintasi per numerose iniziative pensate per alleviare la difficoltà e la sofferenza causate dalla povertà sul proprio territorio di competenza (la Bat) fa i “conti” e traccia un primo piccolo bilancio nel percorso di solidarietà intrapreso in maniera ancora più intensa nell’ultimo anno. In particolare, tra le numerose iniziative attuate ed in itinere, spicca quella del “Cotto e Donato”.

Il progetto nasce nell’agosto 2012 da un’idea brillante di un socio di Orizzonti (Antonio Azzollini) che pensò di trasformare lo spreco alimentare derivante dall’invenduto della ristorazione (pizzerie, ristoranti, tavole calde, ecc.) in una risorsa per le famiglie bisognose.

La prima fase sperimentale è nata nell’agosto 2012 grazie alle collaborazioni offerte dagli esercizi commerciali dei fratelli Di Lernia (ristorazione-catering) a cui si sono associati altri esercizi commerciali come la “Frutta & Verdura” (di Elio Losito) per l’orto-frutta e “Res-Pubblica” per i dolciumi, tutti coinvolti dall’alto significato sociale del progetto.

Sapientemente ed energicamente gestito dal sig. Tolomeo, che ha amplificato nel territorio i contatti sociali con le famiglie bisognose e principalmente quelle classificate come “i nuovi poveri”, il progetto in appena 12 mesi ha distribuito oltre 11.000 pasti e tutt’ora sta servendo a rotazione circa 70 nuclei familiari nel solo territorio tranese garantendo pasti giornalieri a circa 30-40 nuclei familiari.

Insieme al direttivo– spiega il Dott. Angelo Guarriello, presidente di Orizzonti – e agli oltre 150 volontari della nostra associazione stiamo giorno dopo giorno radicando sempre più la nostra attività nel territorio. La richiesta di aiuto aumenta e stiamo cercando di strutturarci per far fronte a questa drammatica realtà. Fortunatamente gli imprenditori illuminati, grandi e piccoli, che si stanno avvicinando al nostro progetto ci consentono di poter essere sempre più efficaci nella lotta contro il disagio estremo. Abbiamo da poco svolto una convention con i Donatori e i Beneficiari in cui abbiamo presentato alcune delle nostre novità in tema di solidarietà manageriale e dato la possibilità a tutti di sottoscrivere delle convenzioni che aiuteranno la nostra organizzazione ad essere sempre più efficiente ed organizzata”.

Numeri e intenti importanti che testimoniano da un lato l’aumento vertiginoso della richiesta di aiuto, e dall’altro la mole di lavoro e i risultati di un nucleo operativo di volontari che ogni giorno con Orizzonti dedicano parte del proprio tempo all’altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here