Pasqua 2013, don Geremia Acri: «I gesti di carità siano segni di speranza»

0
443

“Nonostante tutto, la speranza emerge sempre. Spesso però si tratta, di una speranza incerta e confusa. È proprio la Pasqua a dare chiarezza e fondamento a quella speranza che già gli uomini oscuramente possiedono e di cui hanno bisogno per vivere, come l’aria per respirare. Siamo chiamati a mantener viva e a testimoniare la speranza in ogni situazione.

Cristo Risorto è il fondamento della speranza cristiana.

 Una speranza attiva, che non teme di sporcarsi le mani con la storia di oggi.

Una speranza capace di attesa che si scontra con il “tutto e subito”.

Una speranza cha ha bisogno di concretezzai segni di speranza.

Segni di speranza sono i gesti di carità che noi poniamo soprattutto nei confronti dei poveri“antichi e nuovi” e degli emarginati.

La speranza si riaccende nel cuore di chi riceve un gesto di amore e di accoglienza, Può così veramente sperare in un futuro diverso, può uscire dalla situazione di isolamento e di fragilità, non è più solo.

Penso alle tante persone che vivono di stenti e per strada (alle famiglie prostrate nella povertà, ai papa che non si sentono più tali, ai nostri nonni sempre più poveri, ai giovani che non intravedono la bellezza del domani……..): un letto, un piatto caldo, una casa, un posto di lavoro, una persona che li ascolti, sono innanzitutto segni di speranza.

La speranza cristiana dà molta importanza ai poveri e agli emarginati, a tutti quelli che secondo la logica del mondo non contano.

Una speranza che è perseveranza trova in Dio il suo sicuro fondamento, perché sa perseverare al di là del successo o dell’insuccesso della propria missione. Non guarda ai frutti, guarda alla Croce e alla Risurrezione di Cristo che “avendo amato i suoi che erano nel mondo li amò sino alla fine”. E così le ferite del mondo, si trasformano in feritoie di speranza.

Buona Pasqua di speranza!”

 

Foto: www.andriacittasana.it

                                                                                                                                                                                                                            

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here