Andria, incontro “Seguendo un consumo critico”: consigli per rivedere il modo di fare acquisti

0
177

Interverranno : Dott. Michele Uva presidente della Rete GAS Puglia , Dott. Giuseppe Lombardi referente consorzio olivicolo Oro di Andria , l’ Assessore  all’ Agricoltura Dott. Benedetto Miscioscia  e l’ Assessore alla     Cultura Avv. Antonio Nespoli . Moderatore della serata il Dott. Gerardo Tedesco, presidente Vento di Maestrale.

L’ultimo studio della Coldiretti dichiarava che solo il 12 % del prezzo finale veniva percepito dal produttore e che quindi un buon 88 % andava ad arricchire esclusivamente gli intermediari o gravava sulle spese di spedizione che, ricordiamo, per la Grande Distribuzione sono molto onerose. Infatti si calcola che un prodotto prima di raggiungere gli scaffali dei nostri supermercati viaggi per circa 200 Km in media, tutto questo avviene per l’80% su gomma il che vuol dire un aumento sconsiderato delle emissioni di CO2 nell’atmosfera a cui si aggiunge l’incidenza del 40% degli incidenti stradali causati dalla circolazione di mezzi pesanti.

L’utilizzo  di  associazioni e GAS che svolgano il compito di agevolare l’acquisto diretto dei prodotti locali risolverebbe una buona parte dei problemi collegati alla globalizzazione dei mercati. Infatti con l’incremento degli acquisti consapevoli a prezzi competitivi direttamente dal produttore , si potrebbe ottenere in media un risparmio del 40% sui prezzi degli iper o super -mercati  e si potrebbe garantire il 100% di incremento degli utili ai produttori locali i quali tramite la tracciabilità delle operazioni di vendita sarebbero dissuasi dall’evadere il fisco e dall’utilizzare manodopera a nero. Il tutto porterebbe ricadute importanti dal punto di vista socio-economico sul territorio con benefici su tutti gli attori protagonisti di questa progettualità

I produttori incrementerebbero in maniera considerevole il loro guadagno , i consumatori otterrebbero un prezzo vantaggioso con l’aggiunta di essere sicuri di aver acquistato un prodotto 100 % italiano con maggiori garanzie rispetto agli iper e super-mercati. Il tempo impiegato dai consumatori per ricercare acquistare e trasportare a casa il prodotto diminuirebbe enormemente e con esso le spese di trasporto per raggiungere i luoghi di acquisto. Le merci che vengono sottratte dal mercato della grande distribuzione organizzata sono prodotti che non viaggiano per 200 km prima di arrivare nelle nostre case e soprattutto verranno certificate oltre che dai produttori anche dai consumatori che potranno in maniera trasparente commentare le offerte e gli acquisti effettuati.

La Rete GAS Puglia che censisce circa 70 Gruppi di acquisto suddivisi quasi equamente su tutto il territorio regionale, ha studiato i dati di sei GAS appartenenti alle sei provincie pugliesi con un numero di iscritti più o meno uguale. I dati emersi sono incoraggianti ma hanno mostrato il bisogno di un intervento strutturale per aumentare l’impatto sul territorio e per lasciare un impronta considerevole nei bilanci dei produttori pugliesi.

 

Michele Mininni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here