Barletta, Giovani Democratici: «Favorevoli al registro Unioni Civili»

0
348

“Noi, Giovani Democratici di Barletta, siamo del tutto favorevoli  e vediamo nell’istituzione del registro anagrafico delle coppie di fatto non solo un provvedimento esclusivamente simbolico ma anche un momento di dialogo con il mondo LGBT e non. È sempre stato un tema al centro del nostro dibattito politico, così come è evidenziato dalla campagna contro l’omofobia e a favore del riconoscimento dell’uguaglianza tra tutti gli amori, promossa durante il nostro ultimo tesseramento”, scrivono.

“Il Registro Comunale delle coppie di fatto è stato adottato recentemente a Milano e Cagliari dai Sindaci Pisapia e Zedda ed è presente in circa 100 comuni italiani; per questo motivo una città come Barletta non può non garantire il riconoscimento delle unioni civili tra coppie etero ed omosessuali.

Ricordiamo che le unioni civili in Italia non sono regolamentate da alcuna legge poiché il Parlamento Italiano non ha ancora legiferato in materia, bloccato da pregiudizi e da opinioni divergenti delle varie forze politiche.

Queste coppie però hanno dei diritti che vengono riconosciuti dai comuni che adottano i registri e in particolare l’Arcigay Bat richiede l’estensione di alcuni diritti di carattere locale come case popolari, scuola o accompagnamento anziani.

Crediamo infatti che la politica e le associazioni come l’Arcigay debbano incrociare le loro strade e debbano puntare al raggiungimento di traguardi importanti come il riconoscimento giuridico e quindi dei diritti e doveri che comporta un legame tra persone di sesso diverso o no.

Ritornando al nostro contesto locale, ci auguriamo che i consiglieri del Partito Democratico e di tutta la maggioranza esprimano parere favorevole al registro delle unioni civili, dimostrando apertura e spirito progressista, dimostrando vicinanza a temi sui quali il centro-sinistra barlettano dovrebbe rifondare la propria identità, attento com’è, ormai troppo spesso, quasi esclusivamente a logiche personalistiche o spartitorie che poco interessano alla cittadinanza e che distolgono l’attenzione da quelli che sono i reali problemi della comunità cittadina”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here