Andria, aliquote IMU, Tarsu e addizionale Irpef: nessun aumento

0
269

In particolare, per la prima casa, l’IMU verrà pagata con l’aliquota base del 4 per mille con una detrazione di 200 € ed incremento di detrazione di 50€ per ogni figlio, di età inferiore a 26 anni, a carico e residente nella prima casa. Aliquota base, del 7,6 per mille, senza aumenti anche per gli altri fabbricati.

Esenzione totale per i terreni agricoli ed i fabbricati rurali strumentali.

Assimilazione dell’IMU per la prima casa per gli anziani, residenti in casa di cura, che abbiano in città una propria casa non affittata e per gli andriesi residenti all’estero, che abbiano in città una casa a disposizione, non locata.

Invariata, rispetto all’anno scorso, la tassa Rifiuti Solidi Urbani (TARSU) ed invariate anche l’addizionale IRPEF allo 0,6 %, la tassa di occupazione spazi e aree pubbliche (TOSAP) e l’imposta di pubblicità.

Dunque, per l’IMU, nessun prelievo supplementare oltre quello strettamente necessario ed imposto dal Governo Monti, la cui manovra sull’introduzione di questa imposta municipale,  vede i comuni fortemente critici, tanto che nei giorni scorsi era stata prevista una manifestazione di protesta a Venezia, poi annullata a causa del terremoto in Emilia.

L’illustrazione in dettaglio del progetto del Bilancio di Previsione per l’Esercizio Finanziario 2012 e del Bilancio Pluriennale 2012-2013-2014, si terrà oggi, giovedì 14 giugno, alle ore 10, presso la Sala Consiliare, nel corso di una conferenza cittadina a cui prenderanno parte il Sindaco, avv. Nicola Giorgino, e l’Assessore al Bilancio, Domenico De Feo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here